Lesioni Cutanee

In relazione al cambiamento delle abitudini di vita si è sviluppato un rapido aumento delle lesioni cutanee, che nei decenni passati erano tipiche di alcune attività lavorative (esposizione solare da attività lavorativa), oltre che da fattori predisponenti.

I nei ed i tumori cutanei (epiteliomi) infatti sono molto influenzati dalla prolungata esposizione solare per ragioni estetiche (abbronzatura) in percentuale più alta nei soggetti con pelle chiara ed occhi chiari.
Per quanto riguarda i melanomi, tumori temibili ed assai aggressivi, gioca un ruolo importante anche la familiarità.
La prevenzione e l’attenta valutazione dei fattori di rischio possono rendere curabile definitivamente questa seria patologia.

Nel caso degli epiteliomi o carcinomi epiteliali, essi si sviluppano in percentuale maggiore nel viso nella fascia di età dai 50 ai 70 anni.
Si distinguono in epiteliomi basocellulari e spinocellulari.
I primi sono meno aggressivi e rarissimamente possono dare metastasi locoregionali. I secondi in bassa percentuale possono metastatizzare.
Il gold standard è la terapia chirurgica, che si può considerare definitiva, se correttamente eseguita (margini periferici e profondi indenni all’esame istologico).
L’area piùcolpita è il viso. Di qui l’importanza della profonda conoscenza delle tecniche chirurgiche atte ad ottenere la radicalità ed il rispetto di aree esteticamente importanti.

Per quanto riguarda il melanoma la dermatoscopia, eseguita dal dermatologo, ha rappresentato un netto miglioramento nella prevenzione dello stesso e quindi nella sua terapia “quoad vitam”. La terapia precoce rende l’intervento semplice e definitivo. Con questa apparecchiatura è possibile una visione estremamente nitida ad alta risoluzione, la misurazione precisa del neo e la mappatura degli stessi.
Di fronte ad un serio dubbio di melanoma si rende necessario l’asportazione del “linfonodo sentinella”  individuato mediante una linfoscintigrafia con radiofarmaco, che determinerà la terapia nel follow up (linfoadenectomia locoregionale e/o terapia adiuvante).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *