Ginecomastia

La Ginecomastia è una patologia riguarda la regione mammaria maschile.

Può rappresentare un grave inestetismo per l’uomo, al punto da comprometterne la sua vita di relazione.
Compare abbastanza precocemente in fase adolescenziale.
E’ in questo momento che, di fronte al disagio che manifesta il ragazzo, la famiglia deve indagarne le cause.

La Ginecomastia si manifesta con un aspetto femminile della ghiandola mammaria, fino a raggiungere dimensioni inadeguate ad un corpo maschile.
Le cause possono essere o un disturbo endocrino (ormonale) o un aumento volumetrico della componente adiposo-ghiandolare.
Questa ultima situazione spesso si associa ad un analogo atteggiamento corporeo (fianchi ed addome giunonici).
E’ sempre utile, prima di recarsi dal chirurgo plastico, una ecografia mammaria ed una visita specialistica endocrinologica.
Qualora non ci siano disturbi ormonali che necessitano di eventuale terapia medica, si può prendere in considerazione l’intervento chirurgico.

L’intervento consiste nella asportazione subtotale della ghiandola mammaria bilateralmente e di una liposuzione circonferenziale.
Normalmente non è necessario rimuovere cute.
L’incisione sarà a semiluna infrareolare.
A volte si può scegliere anche la via ascellare endoscopicamente assistita.

E’ un intervento routinario.
Si esegue in anestesia locale e sedazione.
Non necessita di degenza o al massimo di 1 giorno.

Decorso postoperatorio

Dolore scarso di tipo contusivo.
Può richiedere di 1 drenaggio in aspirazione per 1 giorno.
Possono evidenziarsi ecchimosi ed edema che si riassorbono in 2 settimane circa.
Necessita di un indumento compressivo da indossare 24 h per 30 giorni circa.

Ritorno alla vita lavorativa sedentaria dopo 2/3 giorni.
Ritorno alla vita di relazione dopo 2 settimane.
Ritorno all’ attività sportiva dopo 30 giorni.

Durata dell’intervento 1 ora e trenta minuti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *